Neonati e Covid19: il colosso farmaceutico COREE dona 150mila euro a 5 ospedali italiani.

Neonati e Covid 19, solo pochi casi, ma subito sulle prime pagine dei giornali. Coree, colosso del settore farmaceutico coreano e leader in Asia nell’ambito delle cure neonatali, ha deciso di supportare le pediatrie di 5 ospedali italiani in occasione dell’emergenza.

In pochi giorni Coree, ramo italiano di Hanmi Pharmaceutical di Seoul, che gestisce il brand OFMOM (www.ofmom.it) ha consegnato 150 mila euro suddivisi in una donazione e in una fornitura di 5mila prodotti.

“Sia i dati sia diversi studi hanno messo in evidenza come la popolazione pediatrica si ammali molto meno e presenti sintomi più lievi – commenta il presidente Chongyoon Lim – questo però non significa che anche in Italia non si siano verificati diversi casi. Occupandoci da oltre 50 anni della salute di mamme e bambini, per noi è stato un gesto naturale supportare proprio le aree pediatriche di questi cinque ospedali italiani, con alcuni dei quali già collaboriamo. Consapevoli delle difficoltà che le strutture sanitarie stanno affrontando in queste ore, il nostro vuole essere un supporto sia simbolico sia pratico, un piccolo contributo per arginare l’emergenza e supportare i medici e infermieri che sono sempre in prima linea in questa dura battaglia”.

Queste le strutture coinvolte: Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, Ospedale di Piacenza (Guglielmo da Saliceto), Ospedale Gemelli di Roma (Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS), Ospedale di Matera (Madonna delle Grazie), Ospedale di Cremona (ASST Cremona).

 

Fonte: Ufficio Stampa Interno Coree Srl

Contattaci
Ofmom Italia |Coree Srl
Piazza S. Babila 5, 20122 Milano, Italia

 

+39 02 36636 376
info@ofmom.it

Per ulteriori indicazioni sull’idonea assunzione dei prodotti, è consigliabile rivolgersi sempre al proprio medico o farmacista di fiducia.
Le informazioni presenti all’interno di questo sito non possono in alcun modo sostituire il rapporto diretto tra professionista della salute e paziente. E’ pertanto necessario consultare sempre il proprio medico curante e/o farmacista.